Porlezza
2°
nebbia
umidità: 93%
Max 1 • Min 1
Weather from OpenWeatherMap

Ripescato presepe stilizzato al lungolago di Porlezza

Durante la mattinata di domenica 10 dicembre, nei pressi del lungolago di Porlezza, due sub hanno recuperato un presepe stilizzato che è stato depositato sul fondo circa 20 anni fa. Con il patrocinio della Pro Loco di Porlezza si è deciso di riportarlo alla luce proprio in occasione di questo periodo natalizio.

Il mistero che si cela dietro la storia di questo presepe ha destato parecchia curiosità e La Voce proprio per questo ha deciso di volerne sapere di più. Abbiamo fatto alcune domande a Giovanni Grasso, presidente della biblioteca Nene Castelli, che era presente durante il ripescaggio:

Perché questo presepe è stato depositato sul fondo del lago? Qual è la sua storia?

Giuseppe Bettonzelli e Carlo Roncoroni, due amici con la passione della subacquea di Porlezza, sono gli artefici di questa curiosa storia. Il presepe è stato depositato da loro circa 20 anni fa sul fondale, in corrispondenza di un relitto, presumibilmente una barca da passeggio lunga 15 metri, risalente indicativamente agli anni ’30. La scelta di collocare l’opera sul fondale non ha un “perché” preciso ma assume a tutti gli effetti i tratti di una “favola”.

Chi ha deciso di recuperare il presepe?

Sono stati gli stessi sub, una volta venuti a conoscenza dell’esistenza della Mostra Presepi di Santa Marta, a propormi la possibilità di recuperarlo. Io mi sono dimostrato entusiasta per questa disponibilità non tanto per il presepio in sé, che essendo per l’appunto stilizzato in ferro è stato oggetto anche di critiche sul web dovute ad un immaginario collettivo che forse ambiva ad identificare con la parola “presepio” la classica natività, ma per il gesto e la partecipazione che vi è dietro. Scegliere di immergersi nelle acque gelide del Ceresio il 10 dicembre per riportare in superficie un lavoro da esporre ad una Mostra è davvero lodevole. Lo considero il vero fiore all’occhiello di questa quinta edizione di Presepi a Santa Marta.

Perché è stato ripescato proprio quest’anno in occasione della Mostra dei Presepi di Santa Marta?

La scelta di recuperarlo è maturata da una conversazione avuta con il Presidente della Pro Loco Porlezza, Gabriele Mazzoleni che colgo l’occasione di ringraziare per l’enorme sostegno e aiuto fornito. Senza i volontari della Pro Loco, attenti ad affiancarmi nell’allestimento e nell’abbellimento estetico della mostra, nulla si sarebbe potuto realizzare. Devo dire che sono veramente contento di come sta andando: nonostante abbiamo deciso di eliminare il concorso e realizzare una semplice mostra, la partecipazione sta veramente superando ogni più rosea aspettativa. Ad oggi contiamo ben 37 lavori esposti. E nulla vieta alle persone di partecipare anche a mostra iniziata contattando me al +39 3392978885 o Gabriele al +39 3384231136.

Quando inizierà la mostra e per quanto durerà?

La mostra presepi di Santa Marta, arrivata quest’anno alla quinta edizione, è iniziata ufficialmente l’8 dicembre e terminerà il 6 gennaio. Gli orari di apertura sono sia per i giorni festivi che feriali dalle ore 8.30 alle ore 17.30. La viglia di Natale la Chiesa resterà aperta lungo tutto l’arco della giornata. Ricordo a tutti che si tratta di una mostra e non di un concorso. Il termine ufficiale della stessa avverrà il 7 gennaio alle ore 12 in piazza della Chiesa con un rinfresco per i partecipanti e la più ampia fetta di popolazione che vorrà parteciparvi. Buona mostra a tutti!

Alla nostra redazione non resta che ribadirvi l’invito a visitare la mostra dei Presepi di Santa Marta. Ora la magia del Natale a Porlezza porta con sé una nuova favola da raccontare.

 

Autore

Redattore - Turismo e Sport, Area Valli Sanagra-Cavargna-Rezzo & Corrido Scrivi una mail a michele.felli@lavocedelceresio.it

Rispondi

“La Voce del Ceresio” è un progetto editoriale, un portale di informazione territoriale, culturale, ludico-ricreativa, che darà spazio a tutte le associazioni, gli enti comunali e non, le istituzioni, le imprese e le attività sul territorio del Ceresio, con particolare riferimento a Porlezza e i dintorni delle immediate vicinanze.

Newsletter