Porlezza
18°
foschia
umidità: 93%
Max 17 • Min 14
Weather from OpenWeatherMap

Dalla farina per polenta…al sapone!

I nostri ingredienti non servono solo per cucinare.

Per esempio sapevate che la farina per la polenta è un ingrediente fondamentale per qualcosa che con la cucina non ha niente a che vedere?

Noi de La Voce vi proponiamo un nuovo utilizzo di questa materia prima:

Un fantastico sapone a Km0!

Siamo inciampati in questa ricetta per puro caso sul sito lasaponeria.it ideata in versione bergamasca per un concorso.

Noi vi diamo, però, la versione “Ceresio” con ingredienti locali.

  • 4 cucchiai di miele di zona
  • 3 cucchiai di farina del nostro Mulino Mambretti (a cui abbiamo dedicato un articolo che potete trovare qui)
  • 300 gr di sapone di Marsiglia
  • un bicchiere di olio extravergine d’oliva locale
  • Un mazzetto di erbe selvatiche a piacimento
  • Menta e basilico dell’orto essiccati

Procedimento

Innanzitutto bisogna svolgere la rilavorazione di saponi vegetali di marsiglia a bagnomaria.

Sminuzzare i saponi di Marsiglia e lasciarli a bagno in acqua (circa 6 cucchiai ) tutta la notte.

Nel contempo, sempre per 24 ore,  lasciare riposare erba medica, menta, miele, basilico nell’olio extravergine di oliva. 

Filtrare il tutto.

Preparata la linea incominciamo!

Versare l’olio aromatizzato nel pentolino dove si trova il sapone sminuzzato.

Scaldare a bagnomaria per un’ora finchè il prodotto risulterà omogeneo.

Infine aggiungere la farina per polenta!

Dopo avere aggiunto tutti gli ingredienti versate il composto negli stampi.

Una volta solidificate liberate le saponette dagli stampi e lasciatele asciugare per una settimana.


Proprietà del sapone

Il prodotto realizzato lascerà una pelle morbidissima e la farina di polenta eserciterà una leggera esfoliazione per il rinnovo della pelle.


Consigli

Il sapone apparirà profumatissimo grazie alle piante selvatiche ma, all’occorrenza, potete aggiungere anche dell’olio essenziale a piacimento.

Gli stampi che più si prestano a queste operazioni sono quelli in plastica o in silicone più facilmente reperibili perché utilizzati anche in pasticceria e meno difficoltosi al momento dell’estrazione.

Nel caso venga utilizzato lo stampo in silicone o plastica si raccomanda di imburrare la formina per facilitare l’uscita del sapone.

Autore

Redattore - Rubrica Mangiare Ceresio, Eventi e Attività, Valsolda & Carlazzo. Scrivi una mail a arianna.selva@lavocedelceresio.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

“La Voce del Ceresio” è un progetto editoriale, un portale di informazione territoriale, culturale, ludico-ricreativa, che darà spazio a tutte le associazioni, gli enti comunali e non, le istituzioni, le imprese e le attività sul territorio del Ceresio, con particolare riferimento a Porlezza e i dintorni delle immediate vicinanze.