Porlezza
1°
cielo sereno
umidità: 37%
vento: 6m/s N
Max -1 • Min -10
Weather from OpenWeatherMap

La Canottieri Aldo Meda chiude il 2017 ospitando la Coppa d’Inverno

Tempo di allenamenti e di pianificazione della nuova stagione agonistica per la Canottieri Aldo Meda di Cima che domenica 10 dicembre ospiterà la trentesima edizione della Coppa d’inverno.

Nel 1970 un gruppo di vogatori appartenenti all’associazione Canottieri Osteno fondò la Canottieri Cima, chiamata Aldo Meda in onore del suo patrocinatore. Sempre alla famiglia Meda è legata la prima imbarcazione della Canottieri, costruita dal maestro d’ascia Carmelo Gobbi di Cima, il quale decise di darle il nome “Laura” in onore della figlia di Aldo Meda. Qui comincia la storia della Canottieri di Cima.

In 47 anni di attività agonistica l’associazione ha ottenuto svariati successi sportivi: 23 titoli tricolori in quasi tutte le specialità del canottaggio a sedile fisso abbinati a oltre 120 titoli di campioni provinciali. Anche quest’anno la Canottieri, formata da 33 atleti tesserati, ha raccolto un bel bottino di titoli a livello nazionale e provinciale con 57 ori, 22 argenti e 12 bronzi. Questa è la dimostrazione che oltre ai grandi successi negli anni 70 e il suo passato glorioso, la società continua a forgiare atleti competitivi e prosegue la sua attività con grande motivazione e rispetto della propria tradizione sportiva.

La redazione de La voce del Ceresio ha contattato il Vicepresidente Narcisio Gobbi per un paio di domande e lui gentilmente ha accettato il nostro invito.

Signor Gobbi, il 2017 si è rivelato un anno proficuo per la Canottieri Aldo Meda. Quali sono i progetti per la prossima stagione?

«Possiamo dire che per noi la nuova stagione è iniziata a ottobre, con la ripresa degli allenamenti. La nostra intenzione è di consolidare il gruppo atleti del 2017, ma soprattutto vogliamo rilanciare il settore femminile, molto florido dal 2007 al 2012 ma ora un po’ carente, per questo proponiamo un tesseramento agevolato per ragazze dai 12 ai 16 anni».

Il 10 dicembre Porlezza ospiterà la trentesima edizione della Coppa d’Inverno, l’evento che per tradizione chiude la stagione agonistica di canottaggio. Può dirci qualcosa in proposito?

«La Coppa d’Inverno è una competizione sportiva per chiudere l’anno agonistico. Richiamerà circa 200 atleti di 20 società italiane sulle acque antistanti il lungolago di Porlezza, con postazione di arrivo in zona monumento ai caduti, dove il nostro social-staff preparerà Vin-brulée, the e cioccolata calda, ma soprattutto si potranno degustare due specialità tipiche lombarde e natalizie: Trippa e Polenta Casoeula. Insomma, una grande manifestazione per farci gli auguri di Natale. Le regate inizieranno alle 10.30 e termineranno attorno alle 14 e ci aspettiamo una partecipazione numerosa di spettatori e curiosi»

Alla nostra redazione non resta che ricordarvi l’invito del Vicepresidente per quella che si prospetta una domenica di sano sport e divertimento. Noi de La voce del Ceresio ci saremo, e voi?

Autore

Redattore – Turismo e Sport, Area Valli Sanagra-Cavargna-Rezzo & Corrido
Scrivi una mail a michele.felli@lavocedelceresio.it

Rispondi

“La Voce del Ceresio” è un progetto editoriale, un portale di informazione territoriale, culturale, ludico-ricreativa, che darà spazio a tutte le associazioni, gli enti comunali e non, le istituzioni, le imprese e le attività sul territorio del Ceresio, con particolare riferimento a Porlezza e i dintorni delle immediate vicinanze.

Newsletter